Pannello Principale di Accesso ai Contenuti del sito Fare clic qui per ottenere Informazioni istituzionali sul Comune di Portici, Il Sindaco, La Giunta, Il Consiglio Fare clic qui per Informazioni utili al Cittadino Fare clic qui per accedere all area dei Servizi online per il cittadino Fare clic qui per informazioni sulle Risorse del territorio Assistenza alla navigazione del portale e uso dei servizi Bandi, avvisi di gara e concorsi Accesso al Servizio di WebMail per il personale del Comune Accesso al Servizio di Posta elettronica certificata Accesso all Albo pretorio online Amministrazione trasparente Sedi, uffici e contatti del Comune di Portici Statuto e regolamenti del Comune di Portici Accesso agli atti comunali ed alle ordinanze

 

L'Ufficio di Stato Civile si occupa delle iscrizioni, annotazioni e tenuta dei Registri di Stato Civile

Riceve le denunce di Stato Civile (nascita e morte) e provvede alle pubblicazioni di matrimonio e rilascia i certificati e gli estratti di nascita, di matrimonio, di unione civile e di morte se avvenuti a Portici.

I registri di stato civile sono i documenti che riportatno il testo degli atti di stato civile. Le annotazioni invece sono postille, ovvero note, che vanno ad integrare gli atti di stato civile precedentemente formati, nel momento in cui si verificano eventi che la normativa individua come significativi.

Registri di Stato Civile sono :

  •        Cittadinanza,
  • Nascita,
  • Matrimonio,
  • Unione civile
  • Morte.

Le annotazioni, disposte per legge od ordinate dall'autorità giudiziaria, sono eseguite per l'atto al quale si riferiscono, registrato nell' archivio informatico di Stato Civile, direttamente o su istanza di parte.

Le annotazioni che sono eseguite in base ad atti o provvedimenti dei quali è anche prescritta la registrazione negli archivi devono essere precedute da registrazione. In esse sono indicate, per la registrazione negli archivi, l'atto o il provvedimento in base al quale sono eseguite.

Le annotazioni sono datate e sottoscritte dall'ufficiale dello stato civile. Quelle apposte sugli atti iscritti sono riportate su quelli trascritti a cura dell'ufficiale dello stato civile che le ha eseguite. Le annotazioni sugli atti contenuti negli archivi risultano di seguito all'atto cui si riferiscono e di cui costituiscono parte integrante.

Per ognuna delle materie sopra elencate, l'Ufficio ha anche la competenza di rilasciare certificati dei documenti depositati agli atti dell'ufficio che attestino appunto lo "stato civile" di ciascun individuo.
Gli Uffici Consolari principalmente ricevono e trasmettono ai Comuni italiani per la trascrizione gli atti emessi dalle Autorità straniere.

Principali documenti rilasciati dall'Ufficio di Stato Civile: estratto di nascita, estratto di nascita uso matrimonio, estratto di nascita con generalità, certificato di nascita, estratto di matrimonio, certificato di matrimonio, estratto di morte, certificato di morte, certificato di cittadinanza, certificato di cittadinanza alla data del decesso, certificato di cittadinanza alla data richiesta

SEPARAZIONI E DIVORZI:

Dall'11 dicembre 2014, data di entrata in vigore dell'art. 12 della legge 162/2014, i coniugi possono comparire di fronte all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune per concludere un accordo di separazione, divorzio o di modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio.

La richiesta può essere presentata presso:

  •   il Comune di residenza di uno dei due coniugi;
  •   il Comune dove è stato celebrato il matrimonio;
  •   il Comune dove è stato trascritto il matrimonio celebrato con rito religioso o celebrato all’estero.

Tale modalità semplificata è a disposizione dei coniugi solo quando non vi sono figli della coppia minori, oppure maggiorenni incapaci, o portatori di handicap grave (art.3,c.3, L.104/1992), o economicamente non autosufficienti.
L'accordo non deve contenere patti di trasferimento patrimoniale nè può comprendere la determinazione di obbligo di pagamento di una somma di denaro a titolo di assegno periodico (Tar Lazio, Sez. I-ter, sentenza 3 maggio - 7 luglio 2016, n. 7813).
L’assistenza dell’avvocato è facoltativa.