Pannello Principale di Accesso ai Contenuti del sito Fare clic qui per ottenere Informazioni istituzionali sul Comune di Portici, Il Sindaco, La Giunta, Il Consiglio Fare clic qui per Informazioni utili al Cittadino Fare clic qui per accedere all area dei Servizi online per il cittadino Fare clic qui per informazioni sulle Risorse del territorio Assistenza alla navigazione del portale e uso dei servizi Bandi, avvisi di gara e concorsi Accesso al Servizio di WebMail per il personale del Comune Accesso al Servizio di Posta elettronica certificata Accesso all Albo pretorio online Amministrazione trasparente Sedi, uffici e contatti del Comune di Portici Statuto e regolamenti del Comune di Portici Accesso agli atti comunali ed alle ordinanze

Il Comune di Portici ha una popolazione residente di 60139 ab.Si estende su una superficie complessiva di 452 ettari con un perimetro di circa 13 Km e confina con Napoli, S. Giorgio a Cremano ed Ercolano.

Portici

Il nome di Portici, secondo alcuni autori, deriverebbe dai portici del foro dell'antica Ercolano, mentre secondo un'antica leggenda Portici sarebbe stata fondata dai romani intorno alla villa di Quinto Ponzio Aquila, nobile romano, congiurato contro Cesare, caduto nella battaglia di Modena del 43 a.C.

A conferma di tale leggenda, ci sarebbe il reperto, ritrovato sotto gli scavi di Palazzo Mascabruno, raffigurante un'aquila, attualmente emblema dello stemma comunale, che reca sotto gli artigli le iniziali Q.P.A.

Portici era un piccolo casale, che nel 1415, per volere della Regina Giovanna II, fu ceduta al nobiluomo e avventuriero napoletano Sergianni Caracciolo insieme ad altri territori vesuviani , in cambio di denaro.

PorticiDapprima Tenuta, poi Capitania dal 1454 , Portici divenne feudo nel 1638, quando Anna Carafa , viceregina e già  Capitana di Portici, acquistò i casali vesuviani messi in vendità dal  re.L'epoca feudale fu assai buia per i porticesi come  durante la dominazione dei crudeli fratelli Troise, ai quali la famiglia Carafa concesse in fitto i feudi vesuviani dal 1671 al  1674.

Questo periodo fu duro anche per la disastrosa eruzione del Vesuvio del 1631, che causò la morte di quattromila uomini e seimila animali.

Per commemorare tale sciagura, lo studioso Padre Orso che dimorava nella casa dei gesuiti, ebbe l'incarico dal vicerè di comporre il testo di due lapidi. La prima fu  murata al confine  fra Torre del Greco e Torre Annunziata, l'altra a Portici di fronte all'attuale via Giordano, e poi successivamente spostata all'imbocco della via del  Granatello (oggi Gianturco).

Portici si liberò dal giogo feudale stringendo un patto di alleanza con i vicini comuni di Resina e Torre del Greco.

Il 17 dicembre 1698 porticesi, resinesi e torresi reclamarono insieme il diritto di prelazione sull'acquisto della loro terra e si raccolsero in ogni famiglia i fondi necessari per il riscatto feudale.

Il 18 maggio 1699 il presidente della Regia Camera della Summaria, don Michele Vargas Maciucca, decretò che Portici, Resina e Torre del Greco fossero sciolte dal vincolo feudale.

Il periodo aureo di Portici, libera ed autonoma, iniziò con l'arrivo di Carlo III di Borbone che decise nel 1738 di costruirvi la propria residenza estiva.Attorno al Palazzo Reale l'aristocrazia napoletana fece edificare le proprie residenze dando vita al fenomeno architettonico noto come "Ville Vesuviane del Miglio d'Oro".

 

 

Conferimento del Titolo di Città