Seguici su

Esplora contenuti correlati

2 Maggio 2021

La prima domenica di maggio per i Porticesi è un giorno speciale.

È un giorno di festa, di preghiera, di condivisione; è il giorno in cui la Città rinnova fede e devozione al nostro Santo Patrono di Portici, San Ciro.
Il modo in cui stiamo vivendo la quotidianità degli ultimi due anni è purtroppo incompatibile con parte delle Nostre tradizioni ma ciò non significherà rinunciare ai festeggiamenti del nostro amato Santo Patrono.
Insieme con il parroco Don Raffaele Galdiero il Coparroco Don Ciro Sica, l’intera Comunità Parrocchiale e con le forze dell’ordine è stato strutturato nei giorni scorsi un programma che potesse accontentare nei limiti del possibile i nostri Cittadini, compensando così il rammarico per l’annullamento della processione e il contingentamento delle presenze per prendere parte alle funzioni all’interno del Santuario.
Ho portato il tradizionale omaggio floreale al nostro Santo a nome di tutta la Città, convinto che il profondo e viscerale legame che intercorre fra la Nostra comunità e San Ciro ci sosterrà anche in questo delicato momento.
Non a caso San Ciro, medico e martire, veniva invocato in passato per sconfiggere terribili malattie. Noi ci affidiamo al nostro Protettore e come ogni anno …
Viva Portici, Viva San Ciro!